La Francia investe
in Algeria

08/01/2013

Il 20 dicembre 2012 il presidente francese Francois Hollande si è recato in visita in Algeria, ex colonia francese, per stringere accordi in campo economico, militare e agricolo. Insieme ad Hollande erano presenti numerosi uomini d’affari francesi fra cui i dirigenti della Renault, che hanno annunciato la costruzione di uno stabilimento che produrrà 75 mila auto all’anno in Algeria. 

L’Algeria, governata per decenni da un regime nazionalista e militare, è stata toccata soltanto di striscio dal terremoto della primavera araba, e attualmente appare il paese più stabile e dinamico del Nord Africa. L’attuale presidente Abdel Aziz Bouteflika ha varato una serie di riforme  mirate a riequilibrare i vari apparati dello stato, specialmente esercito e servizi segreti, aprendo – seppur limitatamente – alla società civile.

Dopo la caduta dei regimi in Tunisia, Libia ed Egitto, l’Algeria ha concentrato l’attenzione sull’economia, cercando di attrarre investimenti esteri e  decidendo di  investire nell’ammodernamento degli impianti si estrazione di gas e petrolio,  importante fonte di reddito del paese,  per diminuire la disoccupazione.

L’Algeria è uno dei grandi fornitori di gas naturale all’Europa (mappa a fianco) –  e fornisce anche gas naturale liquefatto (GNL) alla Francia.  Grazie all’ampliamento degli impianti di produzione e stoccaggio di gas, Algeri potrà aumentare le esportazioni di GNL agli altri paesi europei, supplendo al calo di produzione dei giacimenti nel Mare del Nord.

La comunità algerina è la più grande comunità di immigrati in Francia (15% del totale degli immigrati), soprattutto perché gli algerini possono ottenere  il visto e accedere allo stato sociale,  secondo gli accordi di Evian firmati nel 1962, al momento della fine della guerra franco-algerina. Tuttavia sono tutt’altro che risolti i problemi legati all’integrazione, come hanno chiaramente dimostrato le rivolte del 2005 nelle banlieu.

Data la crisi economica, Parigi non può permettersi di continuare a garantire lo stato sociale alle comunità algerine in rapido aumento: preferisce investire nello sviluppo dell’Algeria per frenare l’ondata di immigrazione e aumentare la richiesta di prodotti francesi in Algeria.  

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.