Teixobactin e iChip
le buone notizie

13/01/2015

Sulle pagine della rivista Nature si legge della scoperta di un nuovo e rivoluzionario antibiotico – il Teixobactin − che impedisce alle cellule batteriche di sviluppare resistenza. I batteri mutano con facilità e sviluppano nuovi ceppi che possono essere resistenti agli antibiotici. Così è successo per un certo numero di malattie, come la tubercolosi. Per questo la recente scoperta costituisce una svolta epocale in ambito medico e biologico. 

Il Teixobactin attacca una famiglia specifica di batteri – quelli gram-positivi – in modo da aggirare il pericolo che sviluppino resistenza. Gli altri antibiotici attaccano le proteine, il Teixobactin attacca le molecole lipidiche, e la sintesi dei lipidi si presta molto meno alle mutazioni rispetto alla formazione delle proteine. I test iniziali hanno mostrato che il Teixobactin è efficace nel combattere le forme di tubercolosi resistenti ai farmaci, ma non è una panacea. Non funziona con i batteri gam-negativi, fra cui il batterio del colera.

Però gli scienziati ora dispongono di un nuovo metodo per coltivare e isolare i potenziali target antibiotici, che apre la strada a innumerevoli nuove possibilità. Finora soltanto l’1% dei batteri poteva essere coltivato e sviluppato in laboratorio, premessa indispensabile per testare l’attività antibatterica. La nuova tecnica utilizza strumenti speciali – come l’iChip - che permettono di coltivare e testare molti batteri nei loro ambienti naturali, invece di coltivarli in laboratorio. Questo rende possibile lo studio del restante 99%.

Ci vorranno diversi anni per sviluppare il Teixobactin e molti altri per scoprire nuovi farmaci, ma ora sappiamo che è possibile affrontare possibili nuove pandemie con antibiotici che non diventano obsoleti rapidamente. Anche le società farmaceutiche sono più incentivate a investire risorse per sviluppare antibiotici per malattie relativamente rare, come l’ebola, sapendo che potranno essere usati con successo per lungo tempo. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.