L’Unione Europea, la Russia e le repubbliche ex sovietiche

12/12/2019

Cliccare sulle immagini per ingrandirle.

 

Al recente summit di Minsk per la Eastern Partnership Initiative (agenzia dell’Unione Europea per la collaborazione con le repubbliche ex sovietiche di Bielorussia, Azerbaijan, Armenia, Georgia, Moldavia e Ucraina) le posizioni largamente divergenti dei diversi paesi europei hanno limitato grandemente i risultati. Il summit si è concluso con qualche accordo di modesta portata: uno sui dazi per gli anni 2020-2023, un altro per agevolare la richiesta di visti di ingresso nell’Unione Europea. 

Le repubbliche ex sovietiche sono ancora largamente dipendenti dalla Russia sia a livello economico che culturale e politico, oltre che militare. La Bielorussia, ad esempio, riceve quasi il 40% degli investimenti esteri dalla Russia, che è anche il suo primo partner commerciale. Duemila organizzazioni bielorusse di tipo diverso dipendono da finanziamenti e iniziative russe, oltre alle 1300 joint venture economiche. Il 60% del debito pubblico di Minsk è sottoscritto dai Russi.

Gli eserciti delle repubbliche ex sovietiche condividono con la Russia i loro piani strategici, gli armamenti e le manovre. I rapporti con i paesi dell’Unione Europea sono invece pochi, cauti. La cautela dell’Unione Europea dipende dal timore di irritare e preoccupare i Russi, che non vogliono veder messa in dubbio la loro egemonia. La Germania esporta molto verso quei paesi, ma non vuole interferire con gli interessi strategici e politici russi. I Polacchi e i paesi baltici invece vedrebbero di buon occhio l’allargamento dell’egemonia europea e americana in Bielorussia, perché metterebbe al riparo le loro frontiere da possibili attacchi russi. 

La Polonia in particolare teme molto l’espansionismo russo e cerca collaborazione sempre più stretta con la NATO, che prossimamente moltiplicherà di dieci volte il numero di truppe presenti sul suolo polacco e vi costruirà anche una base per droni MQ-9. Il contribuito verrà soprattutto dagli Stati Uniti, mentre i paesi occidentali dell’Unione Europea procederanno con estrema cautela, quasi con riluttanza, anche in seno alla NATO.




Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.