Obama rinuncia allo scudo missilistico

17/09/2009

Il 17 settembre 2009 l’agenzia di stampa ceca CTK ha dichiarato che Obama avrebbe annunciato al primo ministro ceco in una telefonata personale la decisione di voler rinunciare all’installazione dei sistemi di difesa antimissili balistici in Repubblica Ceca e in Polonia.
 
La nuova amministrazione quindi si prepara ad abbandonare il progetto dello scudo missilistico proposto dalla precedente amministrazione - basato sul dispiegamento di 10 missili intercettori in Polonia e di un sistema radar in Repubblica Ceca.
 
Bush riteneva che lo scudo missilistico fosse un’arma strategica per contrastare la minaccia dell’Iran – o di qualunque altro “stato canaglia” del Medio Oriente – ma la Russia non ha mai accettato l’idea di avere degli intercettori statunitensi così vicini al proprio confine.
 
Giovedì scorso Alexei Arbatov, direttore del Centro Scientifico per la Sicurezza Internazionale russa, ha rivelato ad una stazione radio che gli Stati Uniti erano pronti a rinunciare al sistema antimissili balistici in cambio di una maggiore cooperazione della Russia sull’Iran.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.