Attacco
a Kabul

20/01/2010

Il 18 gennaio 2009, alle 9:35 del mattino, i Talebani hanno lanciato una serie di attacchi contro il centro di Kabul – proprio nel giorno in cui il gabinetto del presidente Hamid Karzai doveva prestare giuramento. Secondo il Ministero degli Interni Afgano negli scontri sono morti cinque agenti di sicurezza e sette terroristi talebani.   Il portavoce dei Talebani, Zabiullah Mijahud, inizialmente ha dichiarato che i terroristi suicidi  schierati nell’attacco erano venti, ma le forze di sicurezza afgane ne hanno individuati solo undici. C’è senz’altro la possibilità che alcuni Talebani siano riusciti a scappare, ma è comunque più probabile che siano stati tutti uccisi dalle forze di sicurezza afgane e che Mijahud abbia mentito per sviare le indagini e creare il panico fra i soldati.   I terroristi hanno dapprima fatto esplodere un’autobomba nei pressi del palazzo presidenziale e poi hanno preso d’assalto numerosi edifici nel centro della città – fra cui un centro commerciale, una banca e diversi ministeri (vedi mappa a lato). Secondo le forze di sicurezza afgane, i Talebani hanno lanciato anche diversi razzi contro la capitale.   Nonostante l’effetto sorpresa, l’attacco dei Talebani non ha sortito gli effetti desiderati nei termini di feriti e pubblicità: infatti le forze di sicurezza afgane hanno impedito ai terroristi di creare troppi danni e il numero dei morti è stato piuttosto limitato. I Talebani hanno però dimostrato ancora una volta di essere capaci di lanciare attacchi mortali contro il cuore della capitale – roccaforte delle forze della NATO e del governo afgano - anche in pieno giorno.   In realtà sia i Talebani che le forze della coalizione sono forti in alcune zone e deboli in altre: ·         i Talebani sono particolarmente forti nelle aree meridionali e orientali del paese, verso il confine con il Pakistan, ma non controllano la regione intorno a Kabul; ·         le forze della coalizione controllano i grandi centri abitati, ma non controllano in maniera efficace le campagne, tuttora controllate in larga parte dai Talebani. Per questa ragione i Talebani riescono a organizzare attacchi sporadici contro la capitale, ma  non sono abbastanza forti da esercitare davvero il  potere fino a Kabul.   I Talebani giocano in casa e hanno il tempo dalla loro, quindi non si attiveranno per sconfiggere gli Americani sul terreno - dato che prima o poi lasceranno l’Afghanistan, proprio come hanno fatto gli Inglesi e i Russi in passato – però faranno e fanno di tutto per rendergli la vita impossibile e accelerare il piano di ritiro.   A cura di Davide Meinero      

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.