Continua la protesta
in Tailandia

13/05/2010

Il generale Khattiya Sawasdipol, portavoce del movimento delle Camice Rosse in Tailandia, è stato colpito dal proiettile di un cecchino il 13 maggio 2010. I vertici governativi avevano aperto trattative con i ribelli, ma alcuni gruppi del Movimento sono disposti ad accettare l’apertura del governo, altri no. Questo ha aperto diverbi all'interno del Movimento, ed il governo ha evidentemente deciso di approfittarne per colpire gli irriducibili, mantenendo aperta la via al dialogo con gli altri.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.