Piano del CSTO
per il Kirghizistan

22/06/2010

Il 17 giugno 2010 il capo della sicurezza nazionale kirghisa Alik Orozov ha dichiarato che l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), l’alleanza militare guidata dalla Russia, dovrebbe approvare a breve un piano di stabilizzazione per il Kirghizistan meridionale.   Il piano prevede una serie di misure per disinnescare la violenza etnica e porre rimedio alle carenze logistiche delle forze di sicurezza kirghise. Secondo le  informazioni la polizia kirghisa dovrebbe ricevere nove nuovi elicotteri dalla Russia o dal Kazakistan. La Russia inoltre dovrebbe inviare ‘esperti’ nel  prevenire le violenze e mettere sotto controllo i gruppi armati responsabili della rivolta.  Il generale russo Bordyuzha, Segretario Generale del CSTO, ha aggiunto che in un secondo momento i colpevoli delle violenze verranno processati e incriminati.   Nonostante il piano di stabilizzazione sia soprattutto mirato a inviare maggiori risorse al debole governo kirghiso, la Russia ne approfitterà per incrementare la propria presenza nella regione: infatti insieme agli elicotteri Mosca invierà anche gli equipaggi, e gli esperti militari russi stazioneranno stabilmente nella regione. Visto che la situazione è molto instabile, il Cremlino si muoverà cautamente. È comunque possibile che la violenza riprenda a crescere, il che costringerebbe la Russia ad intervenire con maggiore fermezza e decisione.     A cura di Davide Meinero

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.