Le conseguenze
del parere della Corte Internazionale sul Kosovo

23/07/2010

24 luglio 2010.   Circa 70.000 Serbi vivono in Kosovo a nord del fiume Ibar, ‘imprigionati’ in un nuovo stato di cui non si riconoscono cittadini. I rapporti fra la Serbia ed il Kosovo sono ancora estremamente tesi. L’attuale governo serbo non incita la minoranza serba in Kosovo alla violenza: è un governo moderato, filo occidentale, che vuole portare il paese dentro l’Unione Europea. Pare però che fino al 2020 non ci sia speranza che la Serbia possa diventare membro dell’UE.   Il rischio è che nel frattempo  in Kosovo ci siano nuovi scoppi di violenza fra la minoranza serba e la maggioranza albanese, che portino alla riviviscenza del  nazionalismo anche in Serbia e all’ascesa al potere di partiti non più  filo-occidentali e non più moderati.     L’opinione legale dell’Alta Corte Internazionale sulla dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo apre la via a molteplici altre ribellioni e secessioni, in qualunque regione. La diplomazia internazionale ha sempre assunto fino ad ora che i confini degli stati  sono intangibili e le secessioni e la creazione di nuovi stati non sono legali senza accordo internazionale, il che significa sostanzialmente senza l’accordo degli altri stati della regione. Ma ora un autorevole parere legale rende legittime le dichiarazioni unilaterali di indipendenza. Anche se il parere della Corte non è vincolante, si tratta di una innovazione gravida  di possibili conseguenze. Tutte le nazioni che non hanno uno stato (i Curdi, ad esempio) e tutte le minoranze nazionali racchiuse in stati più grandi hanno da oggi la possibilità di vedere riconosciuto loro il diritto di costituirsi in stato – se vogliono, e se ci riescono.     A cura di Laura Camis de Fonseca

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.