Bosnia-Herzegovina
si riaccendono le tensioni

04/04/2011

Il 25 marzo 2011 a Mostar rappresentanti delle componenti serbe e croate della Repubblica hanno raggiunto un accordo per chiedere la revisione dell’attuale struttura istituzionale, che garantisce rappresentanza parlamentare alle tre componenti nazionali, e costituisce una presidenza a tre, per includere il rappresentante di ogni etnia.

Il problema sorge dal fatto che tutti i cittadini votano  per i  tre presidenti,  indipendentemente dall’etnia. Alle elezioni dello scorso ottobre il rappresentante dei Croati alla presidenza, Zeljko Komsic, è stato eletto  grazie ai voti della componente bosniaca – maggioritaria  nella Federazione.  I Croati all’interno della Federazione non accettano l’elezione di  Komsic come loro rappresentante. Nella zone a maggioranza croata la maggioranza dei voti è andata ad altri candidati, non a Komsic. Ora i partiti croati della Bosnia-Herzegovina hanno chiesto e ottenuto il sostegno non soltanto dei Serbi, ma anche della Croazia, nella loro richiesta che i distretti croati della Federazione abbiano un proprio parlamento autonomo. Dalle elezioni di ottobre 2010 a oggi non si è ancora riusciti a formare un governo, e la situazione sta diventando insostenibile.    

Con gli accordi di Washington del 1994 la Federazione fu divisa in 10 cantoni, di cui (allora) 5 a maggioranza bosniaca e 5 a maggioranza croata. I cantoni hanno indipendenza amministrativa, ma non politica. Ora i Croati chiedono rappresentanza politica.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.