Il settore bancario sloveno
in crisi

10/07/2012

 

La Banca Centrale Slovena e la Banca Europea hanno chiesto alle banche slovene di ricapitalizzare: l’ammontare necessario è pari all’incirca 3-5 miliardi di euro, ovvero il 10% del PIL della Slovenia.

Siccome il settore bancario sloveno ha dimensioni ridotte, il costo di un eventuale salvataggio da parte dell’ UE è limitato; tuttavia in cambio degli aiuti l’UE chiederà certamente nuove misure di austerità.

Le banche slovene sono in difficoltà perché il 15% dei sottoscrittori di mutui è insolvente. Il settore bancario sloveno è controllato per il 50% da tre  grosse banche , due delle quali (Nova Ljubljianska Banka e Abanaka Vipa) sono di proprietà dello stato – che  perciò dovrà accollarsi il costo della ricapitalizzazione aumentando ulteriormente il debito pubblico.

Per migliorare i conti statali Lubiana ha già effettuato tagli per circa 800 milioni di euro a paghe e servizi sociali, ora vorrebbe privatizzare alcune aziende statali – ad esempio riducendo la quota di partecipazione in Nova Ljubljianska Banka dal 55% al 25%. I tagli hanno provocato la dura reazione dei cittadini, che si oppongono alle misure di austerità: infatti l’anno scorso gli sloveni hanno votato contro la riforma pensionistica che voleva innalzare l’età pensionabile dagli attuali 58 anni (57 per le donne) a 65. 

Anche i tentativi volti a riformare la legislazione del lavoro si sono infranti contro l’opposizione dei sindacati.

La Slovenia è guidata da una debole coalizione di cinque partiti, che difficilmente riuscirà ad attuare le riforme richieste da Bruxelles.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.