La geopolitica
dei Balcani

09/08/2012

I Balcani occidentali non costituiscono un’entità geopolitica a sé stante: sono una terra di confine il cui destino dipende soprattutto dai piani delle grandi potenze circostanti – Austria, Turchia e Russia. 

È una regione profondamente frammentata politicamente ed etnicamente; vi  si trovano Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia, Montenegro, Macedonia, Albania e Kosovo. La conformazione del territorio spiega questa frammentazione: la presenza di numerose catene montuose, l’assenza di grandi barriere naturali contro gli attacchi nemici e la vicinanza alle grandi potenze della regione hanno impedito la formazione di uno stato unitario e forte, salvo per un breve periodo – quello della Iugoslavia – che fungeva però da stato cuscinetto fra il blocco sovietico e i paesi occidentali uniti sotto l’ombrello NATO.

Le tre potenze esterne che hanno controllato la regione in passato mantengono tuttora legami col territorio, seppur limitati:

·      le banche austriache hanno una forte presenza nei Balcani;

·      la Russia continua a fare la parte del leone nel settore energetico;

·      la Turchia è uno dei principali investitori nella regione, oltre ad essere il principale partner commerciale.

Si aggiunge poi l’UE, che vorrebbe includere i paesi balcanici nella propria sfera d’influenza.

All’interno dei Balcani le divisioni sono facilmente comprensibili.

La Slovenia, entrata nell’UE e della NATO, ha sempre avuto lo sguardo rivolto a occidente piuttosto che alla Serbia o alla Macedonia. Anche la Croazia, membro della NATO e candidata per l’ingresso nell’UE, ha un atteggiamento simile.

La Serbia invece si trova a metà strada, con un occhio rivolto a Occidente e uno a Oriente, e la preoccupazione per le difficili questioni  di Bosnia e Kosovo. Vorrebbe entrare nell’UE, ma vista la crisi economica preferisce andarci piano. La Serbia, che nel periodo comunista dominava il resto della Iugoslavia, è ancora la più forte potenza militare dei Balcani, anche se ormai, circondata da paesi NATO (vedi mappa a lato), è inoffensiva. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.