Gli investimenti esteri in Portogallo
riducono il deficit

27/08/2012

Seguendo le richieste dell’UE e del Fondo Monetario Internazionale, il Portogallo ha messo in vendita alcune aziende pubbliche. Interessate all’acquisto si sono dimostrati il Brasile e l’Angola, grazie ai legami commerciali e culturali legati al periodo coloniale, e alla aumentata emigrazione portoghese nelle ex-colonie negli ultimi anni, alla ricerca di condizioni migliori di lavoro. 

Molte aziende portoghesi hanno succursali locali in Brasile o in Angola, che si sono attivate per l’acquisto della casa madre. Un altro paese interessato agli investimenti in Portogallo è la Cina. Ecco (tabella a fianco) le recenti acquisizioni di Angola, Brasile e Cina in Portogallo.  

Il maggiore problema del Portogallo oggi è la grande debolezza delle sue banche, che hanno subito forti perdite su mutui e prestiti. Ciò nonostante i prezzi delle aziende messe in vendita, incluso il  Banco Portugues de Negocios, erano talmente bassi che  hanno trovato subito acquirenti.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.