Alla periferia della Russia il Tagikistan

25/07/2013

Il Tagikistan è un paese privo di sbocchi al mare e quasi interamente montuoso, ad eccezione della piccola striscia pianeggiante nella valle di Fergana, valle condivisa con Kirghizistan e Uzbekistan.

La popolazione è composta principalmente da Tagiki,  con una grossa minoranza di Uzbeki – che rappresentano un quarto della popolazione – e con altri gruppi etnici minori (vedi mappa della composizione etnica a lato).

Il Tagikistan ha vissuto una drammatica guerra civile fra il 1992 e il 1997, che ha causato la fuga di 1/10 della popolazione e la morte di circa 50.000 persone. Allora i clan islamisti delle regioni centrali e settentrionali imbracciarono le armi contro il presidente, alleato con clan del Nord e dell’Ovest del paese e sostenuto dai Russi.  Anche oggi il Tagikistan è tutt’altro che unito, e il governo deve costantemente gestire gli equilibri interni per evitare che scoppino nuove violenze.

In Tagikistan esiste tuttora un movimento islamico militante che intrattiene legami con i ribelli afgani, e spesso non è facile fare distinzioni fra jihadisti e clan regionali, che hanno intessuto stretti legami nel corso degli anni.

Economia

Il Tagikistan, già svantaggiato sul piano geografico, non si è mai ripreso dalla guerra civile, ed è tuttora il paese più povero dell’Asia centrale. Oltre la metà del PIL proviene dalle rimesse dagli emigranti – in particolare dalla Russia – e la recessione iniziata nel  2009 ha causato grave danno all’economia.

Il paese è fortemente dipendente dalle importazioni di gas e petrolio, ed è per questo molto vulnerabile agli shock energetici internazionali; tuttavia dispone di una grande risorsa naturale che manca negli altri paesi circostanti: l’acqua. L’interesse per le risorse idriche del paese da parte dei paesi circostanti rischia di aggiungere un’ulteriore elemento di instabilità in un panorama già molto instabile.

I rapporti con la Russia.

Il Tagikistan non rappresenta certamente un pericolo per la Russia, che  ha ben sei basi militari nel paese. Tuttavia Dushanbe non è del tutto accomodante con il Cremlino, e potrebbe incorrere nelle ire di Mosca.  In caso di aperta ostilità da parte del governo tagiko, la Russia potrebbe facilmente servirsi dei servizi segreti locali – con cui intrattiene legami dall’epoca sovietica – per stringere alleanze con i clan regionali e rimodellare l’ambiente politico del paese a proprio favore. Mosca continua a fornire assistenza economica e militare al Tagikistan, mirata ad evitare il ‘contagio’  della guerriglia afgana, specialmente dopo il ritiro delle forze della NATO nel 2014.

Negli ultimi anni Dushanbe ha moltiplicato i contatti con la Cina, che ha offerto aiuto nella costruzione di strade, tunnel e centrali elettriche, ottenendo in cambio il diritto a esplorare i giacimenti di gas e  di oro del paese.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.