Libia
avanza la fazione di Misurata

01/09/2014

Nella regione a Sud di Tripoli la situazione sembra essere tornata alla “normalità” dopo settimane di combattimenti fra gli islamisti appoggiati dai leader di Misurata e alcune frange dell’esercito governativo, recentemente cacciate dall’aeroporto di Tripoli. 

Misurata è la terza maggiore città della Libia, una delle poche realtà stabili del paese – a differenza di Tripoli e Bengasi, dove le violenze portano costantemente a interruzioni nella distribuzione di elettricità ed acqua potabile. I miliziani di Misurata sono stati fra i primi a ribellarsi al leader Mohammar Gheddafi e ora tentano di imporre la prioria autorità su di un territorio più ampio, in competizione violenta con altre fazioni.

I paesi confinanti sono preoccupati dall’instabilità del paese, ma ogni ipotesi di intervento è esclusa perché non si capisce chi possa essere legittimo erede della Libia post-Gheddafi, e soprattutto non è possibile individuare possibili alleati dell’Occidente. La risoluzione 2174 dell’ONU, votata il 27 agosto scorso, prevede sanzioni contro chiunque si opponga alla transizione politica libica – ad esempio compiendo attacchi contro porti, uffici diplomatici e infrastrutture importanti – ma è di ben difficile applicazione.

La Libia del dopo Gheddafi è un paese in preda al caos: l’area a sud di Tripoli e Bengasi è un campo di battaglia per le forze dell’ex generale Khalifa Hifter, sostenuto dall’Occidente, e le forze jihadiste e islamiste nel paese. Secondo fonti non confermate gli islamisti di Bengasi godrebbero dell’appoggio di Qatar e Turchia – sono noti i legami fra Ankara e i jihadisti di Anshar al-Sharia – mentre i miliziani di Misurata hanno stretto legami con altri gruppi islamisti – tutti contro Hifter.

Il nuovo parlamento nazionale, riconosciuto a livello internazionale, ha preso a riunirsi a Tobrul invece che a Bengasi, come stabilito in origine, per problemi di sicurezza, e fatica a imporre la propria autorità alle quattro città – Tripoli, Misurata, Zentan e Bengasi. A questo si somma il fatto che il precedente parlamento – scaduto con le elezioni del 25 giugno – non accetta l’esito elettorale e quindi continua a riunirsi nella capitale, sfidando l’esito elettorale. La competizione fra i due parlamenti crea fratture nell’esercito e accresce le tensioni per il controllo dell’esportazione del petrolio – con il rischio di nuovi cali nella produzione.

L’unica certezza è che al momento in Libia non c’è nessuno capace di imporsi in modo autorevole su tutto il territorio nazionale. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.