Il terrorismo
come teatro del macabro

31/01/2015

Sostiene Scott Stewart, esperto di sicurezza, che il terrorismo mette in scena una specie di teatro del macabro, per amplificare l’isteria attorno a operazioni fisiche di portata limitata. Gli anarchici lo chiamavano ‘propaganda tramite l’azione’. La propaganda vuole indurre l’intera società a sentirsi vittima, o protagonista, di azioni che hanno portata limitata.

Lo scopo delle misure di sicurezza è parallelo: mette in scena il teatro della sicurezza, tramite vistose misure di controllo preventivo. Il teatro della sicurezza vuole evitare che la società si blocchi per paura,  cioè evitare che i terroristi raggiungano il loro scopo.

Le misure di sicurezza creano certamente ostacoli ai terroristi, ma non rendono impossibili atti di terrorismo, sostiene Scott Stewart. Un terrorista suicida determinato, per esempio, trova il modo di impossessarsi di un aeroplano in volo, anche senza armi o strumenti vistosi. La misura più efficiente contro il terrorismo è l’attenzione delle singole persone a percepire e segnalare atti e comportamenti sospetti nell’ambiente in cui vivono e lavorano. ‘Se noti qualche cosa, dillo’ è il suggerimento che Stewart dà per prevenire atti di terrorismo. Ovviamente occorre una certa educazione del pubblico a capire che cosa costituisce un segnale di potenziale pericolo. Occorre poi che le segnalazioni vengano elaborate da un sistema intelligente che le riduce a una stringa di elementi essenziali, da elaborare e incrociare fra di loro per località o per tipo di rischio, al fine di identificare punti di incrocio pericolosi.

In alcuni paesi occidentali (ad esempio in Inghilterra) esistono efficienti centri locali cui i cittadini si rivolgono abitualmente per segnalare violenze famigliari fra i vicini, o casi di vandalismo, o situazioni di potenziale pericolo per i passanti o per i residenti. Il numero di telefono di questi centri viene distribuito da ogni comune agli abitanti della zona. Le segnalazioni attivano l’intervento del gruppo di polizia addetto alla sicurezza del quartiere o della zona. Questi gruppi sono anche addestrati a identificare e segnalare all’intelligence comportamenti e situazioni locali che possono indicare un rischio di terrorismo. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.