Il jihadismo in Europa e negli USA: le differenze

16/04/2016

Dopo gli attentati a Bruxelles le forze di polizia di vari paesi d’Europa – Belgio, Francia, Germania, Italia e Gran Bretagna − hanno arrestato dozzine di presunti affiliati allo Stato Islamico. Simili operazioni possono contribuire a smantellare la rete jihadista in Europa, ma colpiscono la punta dell’iceberg, senza risolvere i problemi sottostanti.

Le storie del mondo islamico e dell’Europa si intrecciano per ragioni geopolitiche fin dagli albori dell’islam, con l’invasione della Spagna e della Francia da parte degli Omayyadi all’inizio dell’VIII secolo, le Crociate dalla fine dell’ XI alla fine del XIII secolo, l’assedio di Vienna da parte degli Ottomani nel XVI e XVII secolo e la colonizzazione europea del Nord Africa e del Sud est Asiatico dal XVII al XIX secolo. La caduta dell’Impero Ottomano in seguito alla Prima Guerra Mondiale e il controllo mandatario del Medio Oriente da parte di alcuni paesi europei legarono ulteriormente i destini di questi due mondi. La vicinanza del Nord Africa e della Turchia all’Europa mediterranea e la colonizzazione europea, sommati al desiderio di molti musulmani di cercare lavoro e istruzione in Europa, hanno fatto sì che oggi nel Vecchio Continente vivano molte persone di fede islamica. Ma la  convivenza non è priva di tensioni. Anche se alcuni musulmani europei appartengono a famiglie che vivono in Europa da quattro o cinque generazioni, non necessariamente sono integrati nella società europea:  spesso vivono isolati, in quartieri quasi esclusivamente musulmani. La crisi economica ha aggravato la situazione, causando livelli di disoccupazione drammatici. Le  vere o presunte discriminazioni nel mercato del lavoro hanno contribuito ad alimentare il risentimento di molti musulmani europei, che hanno perso ogni senso d’attaccamento al paese in cui vivono. Ne è derivato un contesto in cui i giovani musulmani, esposti alla retorica estremista, possono facilmente venire reclutati e coinvolti in attività delinquenziali, sovversive  o terroristiche. L’alto numero  di jihadisti europei che si è recato a combattere in favore dell’Isis in Iraq, Siria e Libia dimostra che lo scontento tra i musulmani europei è fortemente cresciuto negli ultimi anni. La crisi dei rifugiati, la polemica sorta in Francia per il divieto del burqa e la retorica islamofoba di alcuni politici danno più credibilità alla propaganda dei reclutatori jihadisti, secondo cui l’Europa sta attaccando l’islam.

Negli Stati Uniti, dove il modello di integrazione è assimilazionista, i musulmani sono più integrati nella società. Rappresentano anche una percentuale molto minore della popolazione, rispetto all’Europa. Coloro che si radicalizzano lo fanno generalmente da soli – via internet – senza ricevere addestramento. Spesso vengono arrestati perché per passare dalla teoria alla pratica cercano l’aiuto di altri individui isolati, che sono agenti dell’FBI o informatori della polizia che lavorano sotto copertura.

In Europa i musulmani vivono spesso concentrati in determinati quartieri delle città, in comunità quasi a se stanti all’interno delle quali crescono, si formano, si associano e lavorano. Perciò  i reclutatori possono servirsi di moschee, palestre e associazioni universitarie islamiche, oltre che delle carceri, per individuare le potenziali reclute, che vengono allontanate psicologicamente dalla comunità e quindi radicalizzate in piccoli gruppi. I reclutatori hanno spesso contatti con altre cellule europee e con jihadisti e gruppi al di fuori dell’Europa, che possono favorire il viaggio nei campi di addestramento o nelle zone di guerra. I giovani mal integrati non sono le uniche “prede” cui puntano i predicatori estremisti. Uomini adulti, con un livello d’istruzione elevato, una buona posizione lavorativa e la fedina penale pulita possono più facilmente viaggiare senza destare sospetti, perciò sono molto ‘corteggiati’ dai reclutatori. Così come le donne, impiegate a loro volta per la propaganda e come reclutatrici - occasionalmente anche in attentati.

Secondo un report di aprile 2016 dell’International Center of Counterterrorism i foreign fighters di origine europea sono tra i 3922 e i 4294. Non tutti sono jihadisti – alcuni sono nazionalisti di origine siriana o irachena - ma la maggior parte sono affiliati a gruppi jihadisti. I foreign fighters rientrati in Europa sono  un pericolo imminente, ma il problema maggiore sono gli estremisti in seno alle comunità islamiche europee, anche se non dispongono di addestramento militare. È molto difficile per l’intelligence e le forze dell’ordine identificare e combattere i jihadisti pericolosi, perché hanno un numero enorme di potenziali attentatori da monitorare. Il difficile coordinamento tra l’intelligence e le forze dell’ordine – talvolta non solo tra stati, ma anche all’interno dello stesso paese, come accade in Belgio – non fa che aggravare la situazione.

Anche se gli arresti che hanno seguito gli attacchi a Parigi e Bruxelles hanno sventato l’organizzazione di diversi attentati e tolto dalla circolazione altri potenziali attentatori, rimangono da  neutralizzare altre cellule dell’ISIS e di alQaeda, oltre ai molti jihadisti che si sono radicalizzati autonomamente nei loro quartieri. L’Europa deve capire e affrontare i motivi della radicalizzazione dei suoi musulmani, per poter combattere il problema alla radice, altrimenti il jihadismo continuerà molto a lungo. 

Anche se alcuni musulmani europei appartengono a famiglie che vivono in Europa da quattro o cinque generazioni, non necessariamente sono integrati nella società europea: spesso vivono isolati, in quartieri quasi esclusivamente musulmani. La crisi economica ha aggravato la situazione, causando livelli di disoccupazione drammatici.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.