Iran: segni di ampio disagio

15/02/2018

Il 14 febbraio 2018 la polizia iraniana ha arrestato un centinaio di cambiavalute e ha chiuso 10 uffici di cambio, accusando gli operatori di speculazione contro la moneta nazionale. Il valore del rial iraniano sul mercato è in calo continuo da oltre un anno. Il paese mostra molti segni di difficoltà economiche sia a causa delle sanzioni, sia a causa delle grandi spese sostenute per la partecipazione alla guerra civile in Iraq e in Siria.

Aumentano le tensioni sociali, anche perché il governo sta cercando di attuare una manovra pericolosa – ma necessaria – di effettiva privatizzazione delle imprese. La privatizzazione di larga parte dell’economia iraniana è formalmente avvenuta già negli anni ’90, ma si è trattato di una privatizzazione sui generis, che ha visto la maggior parte delle imprese divenire proprietà dei militari e dei Guardiani della Rivoluzione, i quali ne hanno fatto strumento di clientelismo e di conquista del potere. Ora il governo vorrebbe ridurre il potere dei Guardiani della Rivoluzione, che prevale in campo economico, in campo militare e in campo politico, e nel contempo dare impulso all’economia. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.