La Turchia ricalca le orme ottomane

23/02/2018

Cliccare sulla mappa per ingrandirla.

Il 20 febbraio i primi ministri di Turchia e Sudan riuniti a Khartoum hanno convenuto che la Turchia finanzierà e dirigerà il restauro dell’isola di Suakin per farne un centro di attrazione culturale e turista. Suakin fu il maggiore porto dell’Impero Ottomano sulle coste del Mar Rosso. Ora è in rovina. 

Come mostra la mappa a lato, la sua posizione è strategicamente importante perché è in faccia a La Mecca e quasi in faccia allo Yemen. Inoltre è al fondo di una lunga insenatura che la protegge da incursioni dal mare aperto. Il porto è decaduto perché alle spalle ha soltanto deserto, non può vivere di commerci, ma potrebbe tornare a vivere col turismo, mantenendo la sua utilità come base per il controllo del Mar Rosso, in caso di necessità. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.