SpaceX: tecnologia che apre lo spazio alla vita dell’uomo

27/02/2018

Quando Elon Musk, fondatore di Tesla, e Jeff Bezos, presidente di Amazon, fondarono la SpaceX e presero a sperimentare razzi riutilizzabili dopo il rientro, quasi nessuno capì che cosa intendevano fare. Ora che i lanci per trasportare oggetti in orbita sono quasi routine, ri-utilizzando sempre gli stessi razzi, è chiaro che l’era dello spazio è davvero iniziata e nei prossimi 50 anni trasformerà il mondo.

I razzi che portano oggetti e persone in orbita sono estremamente costosi: circa 150 milioni di dollari caduno fino a cinque anni fa. Ora SpaceX è riuscito a dimezzare quel costo con il Falcon 9, oltre a riuscire a far rientrare il razzo alla base e utilizzarlo più e più volte. L’obiettivo di SpaceX nei prossimi anni è migliorare la tecnologia sino a ridurre il costo di ogni lancio a un massimo di 700.000 dollari.

L’investimento nella SpaceX sino ad ora è stato ‘soltanto’ di un miliardo di dollari, ma ha già dato risultati inaspettati, se lo si mette a confronto con la spesa della NASA o delle grandi aziende che lavorano per la Difesa americana, su programmi della Difesa, cioè dello Stato. Sono aziende che hanno bilanci di centinaia di miliardi di dollari l’anno, ma non hanno prodotto nessuna innovazione in questo campo per decenni, dopo il successo dello Space Shuttle negli anni ’70: ripetono le stesse operazioni, non innovano più, come quasi sempre succede a chi opera al servizio delle burocrazie pubbliche, su programmi stilati da burocrati.

Musk e Bezos hanno scommesso larga parte del loro patrimonio in SpaceX, con la grinta e la capacità dei grandi imprenditori e innovatori della storia. Presto si potranno aprire laboratori nello spazio per esperimenti scientifici, ma anche per produzioni speciali, ad esempio di terre rare, che si possono fare soltanto in assenza di pressione. Lanciare satelliti per vario uso sarà possibile a qualunque media impresa. Si sta progettando ora il BFR, Big Falcon Rocket, per trasportare 200 passeggeri e il loro bagaglio fra la terra e Marte e ritorno. Se per Marte sorgessero problemi, il BFR potrà comunque trasportare in orbita ben 150 tonnellate per volta!

Ma il servizio forse più rivoluzionario per l’economia globale, nonché il più prossimo a essere realizzato, è il sistema di razzi terra-terra, che in non più di mezz’ora trasporterà 150 tonnellate di persone e/o cose in qualunque parte del mondo. Lo potete vedere in questo video dal titolo ‘BFR|Earth to Earth

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.