Virus e ordigni, paesaggi contaminati
Conferenza di Alberto Cavaglion

05/06/2020

Cari docenti,

vi segnaliamo l’interessante conferenza di Alberto Cavaglion − che si terrà martedì 16 giugno alle 18,30, presso la sede della Fondazione Camis de Fonseca (via Pietro Micca 15, Torino) − di cui trovate in calce la descrizione.

Purtroppo, per motivi di sicurezza, potranno avere accesso alla sala al massimo 32 persone, perciò se avete intenzione di partecipare vi preghiamo di inviare una mail all’indirizzo info@fondazionecdf.it entro giovedì 11 giugno. Venerdì 12 giugno vi risponderemo e se la vostra richiesta potrà essere confermata vi invieremo le informazioni necessarie per accedere al locale in sicurezza.

La conferenza verrà video registrata ed entrerà a far parte dei materiali utilizzati per un seminario sul ruolo dell’ebraismo nella cultura italiana − di cui manderemo il programma completo alla fine dell’estate − ideato e organizzato da Alberto Cavaglion e tenuto da una decina di diversi docenti.

Speriamo di poterci finalmente rincontrare!

Virus e ordigni, paesaggi contaminati

Diventati cittadini liberi nell’Ottocento gli scrittori ebrei italiani hanno manifestato un particolare tipo di patriottismo: il patriottismo del paesaggio. Alberto Cantoni, Angiolo Orvieto, Sabatino Lopez ci hanno donato scorci meravigliosi di luoghi idilliaci e incontaminati. Così, la Trieste di Saba. La contaminazione, la prima metamorfosi del paesaggio avviene con il fascismo e la narrazione delle persecuzioni razziali: prima con Svevo, poi con Bassani il 'giardino' diventa luogo di morte e di desolazione. Che cosa insegnano questi scrittori e questi loro libri a noi che oggi osserviamo un paesaggio attraversato da nuove contaminazioni?

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.