Saba e gli animali di Montebello

23/11/2020

Lectio magistralis di Marzia Minutelli, con introduzione di Alberto Cavaglion

 

A undici anni ho incontrato in un libro e ho subito fissato nella memoria La Capra di Umberto Saba.  Ero cresciuta in campagna in un luogo isolato, con pochi animali come unici compagni di gioco e già avevo deciso che non avrei mai più mangiato la loro carne, per non cibarmi di dolore e di morte. Anche il riferimento al ‘viso semita’ della capra, come quello di mio nonno e forse anche il mio, mi parve diretto proprio a me personalmente. Saba da allora è stato uno dei ‘miei’ poeti personali, perciò ho seguito con particolare interesse e anche con grande commozione la lezione della bravissima Marzia Minutelli, che potete vedere nella registrazione dell’incontro a distanza (contraddizione in termini che caratterizza la nostra realtà al tempo del Covid).

Vi auguro buona visione e buon ascolto e vi invito alla gioia di leggere o rileggere Saba.

Laura Camis de Fonseca

 

 

Marzia Minutelli è laureata in Lettere a Firenze, perfezionata presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, nel cui ateneo è stata anche assegnista di ricerca, e ha conseguito un secondo dottorato all’Université de Genève con lo studio L’arca di Saba: «i sereni animali / che avvicinano a Dio», per il quale ha ricevuto il Premio «Montale Fuori di casa». Collabora con le principali riviste del settore («Filologia e critica», «GSLI», «Misure critiche», «NRLI», «Per leggere», «L’Ellisse», etc.).

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.