Turchia, Germania e UE: interessi convergenti o contrastanti?

19/01/2021

È iniziato il semestre di presidenza portoghese dell’Unione Europea. Il ministro turco Cavusoglu si è recato in visita ufficiale in Portogallo, poi visiterà anche la Spagna. L’argomento principale in agenda per l’Unione Europea è quello dei migranti che premono ai confini d’Europa dalle altre sponde del Mediterraneo e lungo la rotta balcanica, per la Turchia è l’egemonia sul Mediterraneo orientale. Come arma di pressione nei confronti di Ankara l’Unione Europea dal giorno 8 gennaio 2021 applica dazi ai laminati di ferro e all’acciaio provenienti dalla Turchia. Nel frattempo però la Siemens tedesca e la ENKA turca hanno costituito una partnership per costruire due centrali elettriche nuove in Libia: una a Misurata e una a Tripoli, città che fino a un paio di anni fa erano nella sfera di influenza economica italiana, in particolare dell’ENI. La Germania sta scalzando l’Italia grazie a questo accordo con la Turchia. Che cosa avrà in cambio l’Italia all’interno dell’UE? Sostegno per qualche altro progetto? Stiamo con gli occhi aperti e cerchiamo di capirlo. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.