Proteste on-line
in Iran

22/12/2008

Le università iraniane sono nuovamente in lotta per il futuro del paese. Nell’epoca digitale ci è possibile vedere la situazione dall’interno. Numerose proteste a Teheran, Shiraz e Hamedan infatti sono state trasmesse su internet.   In particolare un video mostra uno studente che sfida apertamente il regime. Il ragazzo dell’Università di Shiraz si rivolge all’ospite in sala, Ali Larijani, membro del parlamento - in passato responsabile governativo per l’energia nucleare.     “Non Le domanderò nulla perché non La riconosco come portavoce di un parlamento legittimo” dice lo studente, citando il processo di eliminazione dei dissidenti alle precedenti elezioni parlamentari.   http://www.youtube.com/watch?v=syMT93tETME   Di fronte al ragazzo siedono un centinaio di ragazzi, Ali Larijani osserva e non dice nulla.   “Odio tre cose: primo, odio il presidente Ahmadinejad.” Scoppia un applauso intenso.”Secondo, lo odio per la sua ipocrisia!”. A questo punto  alcuni studenti pro-mullah iniziano a intonare cori e lo interrompono.   Il video termina in mezzo alla confusione. Non conosciamo l’epilogo: alcuni sostengono che lo studente sia stato arrestato, altri che sia scappato e si sia nascosto.   Nell’ultimo periodo la resistenza al regime è cresciuta notevolmente e così il numero di manifestazioni, ma i mullah fanno  di tutto per mantenere la presa sul potere.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.