L'Iran di fronte alla crisi
nell'isolamento economico

24/12/2008

Il 15 dicembre la banca centrale iraniana ha dato il permesso alle banche di emettere obbligazioni  da offrire all’estero, per un valore di 1,33 miliardi di euro e con scadenza da uno a cinque anni.   L’Iran si trova in condizioni economiche difficili perchè il prezzo del petrolio – da cui proviene l’80% dei guadagni del paese – è crollato. In questi casi i produttori di petrolio emettono prestiti obbligazionari, che ripagano quando i prezzi del petrolio salgono nuovamente. Ma l’Iran, che a causa della sua politica estera radicale è stato inserito nella lista degli stati canaglia, non può  rivolgersi alle istituzioni finanziarie internazionali.   La Russia e la Cina sono le uniche fonti di aiuto finanziario per l’Iran, ma devono affrontare anche loro le conseguenze della crisi mondiale.   

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.