La Serbia in crisi
e il denaro russo

15/01/2009

Il 24 dicembre il presidente serbo Boris Tadic e il presidente russo Dmitri Medvedev hanno firmato un “accordo politico” a Mosca, che prevede la costruzione di un tratto del gasdotto South Stream in Serbia. La delegazione serba ha inoltre firmato un accordo per la vendita del 51% dell’azienda energetica serba, la Naftna Industrija Srbije (NIS), alla Gazprom Neft per una cifra pari a 400 milioni di euro.   Il prezzo è basso, ma è il meglio che avrebbe potuto ottenere la Serbia al momento, vista la crisi finanziaria in atto. La Russia è l’unico paese dotato di denaro sufficiente a comprare l’azienda energetica e il governo di Belgrado ha un disperato bisogno di denaro per far fronte alla crisi, considerato il tasso di crescita negativo e la svalutazione del dinaro. Gli altri due paesi che avrebbero potuto concorrere all’acquisto, Austria e Ungheria, versano in difficili condizioni economiche e hanno rinunciato in partenza.   Il clima finanziario sfavorevole ha permesso alla Russia di penetrare sul mercato dell’energia europeo: con il recente accordo Mosca entra in possesso di un pezzo della rete di distribuzione europea, da cui potrebbe espandersi nei paesi adiacenti, Bulgaria, Ungheria e Romania. Ma il patto ha un consistente numero di cavilli che lo rendono tutt’altro definitivo. La partita quindi non è ancora chiusa.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.