Un assassinio all'estero
-

31/03/2009

Il 30 marzo 2009 muore Sulim Yamadayev in seguito ad un attentato subito il 28 marzo a Dubai. Il 27 marzo i Russi avevano proposto di dichiarare ufficialmente la fine della guerra in Cecenia. I due eventi sono strettamente legati. Sulim Yamadayev, eroe dell'Unione Sovietica, era infatti l'ultimo capo attivo del clan che ancora contendeva il potere del presidente ceceno Ramzan Kadyrov a del suo clan. Sulim ed i suoi fratelli Ruslan, Isa, Dzhabrail e Barudi furono alleati in una lunga e sanguinosa guerra per l'indipendenza nazionale contro i Russi fin dal 1990. Poi Vladimir Putin fece un accordo con i due clan: i Russi avrebbero rispettato l'indipendenza cecena lasciando al clan dei Kadyrov il potere politico, al clan degli Yamadayev il potere militare. I due clan avrebbero però dovuto eliminare dalla Cecenia gli islamisti.   Questo avvenne, ma prima ancora della sconfitta totale degli islamisti i due clan nazionalisti avviarono una guerra fra di loro per la supremazia totale, in cui i Russi rimasero alla finestra, in attesa di riconoscere il vincitore, fornendo onori, buone parole e apparente sostegno a entrambi. Fra il 2003 e il 2008 una serie di assassinii eliminò via via i capi dei due clan, inclusi il padre e  il figlio dell'attuale presidente ceceno e tre fratelli di Sulim. I Kadyrov non avevano forza militare, ma grazie al potere politico se ne crearono una alternativa a quella controllata dagli Yamadeyev. A fine 2008 Kadyrov disponeva di una esercito nazionale di 40.000 persone, non sottoposto a Yamadeyev. Con la morte di Sulim del clan Yamadayev rimane soltanto un fratello, Barudi, che non ha mai avuto un ruolo nella lotta e non si sa neppure dove viva. Il  presidente Kadyrov ha ora il controllo totale del paese e si può dire che ora la guerra in Cecenia è davvero finita.         

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.