Forti legami
fra Russia e Bulgaria

17/07/2009

Il 13 luglio 2009 il neopremier eletto bulgaro Boyko Borisov ha chiesto al Ministro dell’Economia e dell’Energia di interrompere temporaneamente la costruzione dell’impianto nucleare di Belene e dedicarsi invece allo sviluppo del gasdotto South Stream. Entrambi i progetti avvengono in collaborazione rispettivamente con le aziende statali russe Atomstroyexport e Gazprom.   A seguito di questa mossa molti analisti si sono domandati se Borisov intenda assumere una linea filo-europeista abbandonando i tradizionali legami con la Russia. Questo appare però piuttosto improbabile.   I legami fra Russia e Bulgaria sono sempre stati molto forti in passato, e l’ex primo ministro Sergei Stanishev non ha fatto nulla per cambiare questa tendenza, nonostante l’adesione della Bulgaria alla NATO nel 2004 e l’ingresso nell’UE nel 2007.   I buoni rapporti fra Bulgaria e Russia non sono un fenomeno recente, né tantomeno dipendono dalle politiche dei singoli governi o dalle aspirazioni dei politici bulgari, bensì sono radicati nella geopolitica e nella storia dei due paesi. La Bulgaria infatti deve la propria indipendenza alla Russia, che nel XIX combatté la guerra turco-russa con l’intento di creare la “Grande Bulgaria” e ottenere uno sbocco sul Mar Nero e sul Mar Egeo.  Questo piano non fu portato a termine perché le potenze occidentali intervennero diplomaticamente e contennero l’estensione della Bulgaria al Congresso di Berlino del 1878.     La Russia e la Bulgaria hanno mantenuto ottimi rapporti anche durante il XX secolo – ad esempio Sofia, pur essendo alleata dei Nazisti, si rifiutò di attaccare la Russia durante la Seconda Guerra Mondiale.   Anche durante il periodo della dominazione comunista i Bulgari non furono colti da quel forte sentimento antirusso presente invece negli altri stati dell’Est: la Bulgaria fu sempre fedele alla Russia e non si ribellò mai all’egemonia dei Sovietici.   Con ogni probabilità Borizov ha bloccato la costruzione dell’impianto nucleare per mettere fuori gioco i membri vicini all’ex primo ministro che si occupavano del progetto, ma non ha nessuna intenzione di rinunciare all’alleanza con la Russia.   

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.