Progetto ‘Italia chiama Europa’
con concorso per studenti delle scuole superiori

08/08/2018

Stampa Articolo

Il progetto prevede di apprendere – o rivisitare − la storia del XX secolo e dei secoli precedenti in ottica geopolitica, per poi procedere alla realizzazione di lavori di ricerca.

Gli studenti saranno chiamati a presentare e discutere i risultati dei loro lavori durante un convegno che organizzeremo per i primi giorni di maggio 2019, occasione in cui premieremo le classi o i gruppi di studenti che avranno presentato i lavori migliori e li avranno discussi con più competenza.

Prevediamo un primo premio di 3000 euro e cinque premi da 1000 euro cadauno.

 

L’apprendimento o rivisitazione della storia passata può essere fatta:

  • dai docenti stessi con i loro studenti, utilizzando le ‘stazioni’ di un percorso che abbiamo ideato e messo online utilizzando la piattaforma Thinglink. Ogni ‘stazione’ è un documento (testo, immagine o video), sul quale è possibile inserire dei tags (come fossero note) che aprono questionari o forniscono approfondimenti. Gli studenti possono vedere a casa ogni stazione e prepararsi in proprio, oppure i docenti possono assegnare ‘stazioni’ diverse a gruppi diversi, che poi in classe presentano ai compagni quello che hanno imparato o capito dalla loro ‘stazione’, e ne discutono con i compagni e con gli insegnanti oppure insieme a noi, se i docenti vogliono farci intervenire ogni cinque o sei ‘stazioni’ già viste. Come esempio di ‘stazione’ vogliate vedere le prime tre tappe del percorso, che inizia con l’ascolto del discorso di Churchill agli Italiani del 23 dicembre 1940, e viene poi approfondito nelle stazioni successive, permettendo la ricostruzione della storia dei rapporti fra Italia, Inghilterra e Germania nei 100 anni precedenti, oltre che la storia della Seconda guerra mondiale.

Passate col cursore sul testo della seconda e terza stazione per vedere i tags!

Eccovi i link:

https://www.thinglink.com/channelcard/1118532918881288196

https://www.thinglink.com/videocard/1115931962188496897

https://www.thinglink.com/card/1072853985880178690

https://www.thinglink.com/card/1072890271827492866

 

 

  • in alternativa i docenti possono chiedere a noi di seguire il procedere degli studenti lungo tutte le ‘stazioni’, il che richiederà di concordare tempi e modalità con ogni singolo docente.

 

Su Thinglink ci sono già 21 ‘stazioni’, suddivise in gruppi diversi di argomenti. Altre saranno create per colmare le informazioni mancanti per i lavori scelti da ogni classe o scuola. Faremo poi una sezione per ogni singola classe o scuola.

Il percorso di apprendimento o di rivisitazione della storia è diviso in più parti, da scegliere in funzione del lavoro finale (o dei lavori finali) che si vuole realizzare. Ecco le alternative:

 

a) Esprimere la risposta alla seguente domanda in un prodotto finale a scelta (video, presentazione Power Point, roleplay, ecc.):

Nella Seconda guerra mondiale Francia, Inghilterra e USA , paesi con governi democratici, finirono col vincere contro Italia, Germania e Giappone, allora paesi con governi dittatoriali. Può trattarsi di un caso, oppure la democrazia rende gli stati più resistenti sul lungo periodo? Ci sono altri esempi storici a favore della democrazia, o contro la democrazia?

 

b) Esprimere la risposta alla seguente domanda in un prodotto finale a scelta (video, presentazione Power Point, roleplay, ecc.):

Fra la Prima e la Seconda guerra mondiale l’Italia rovesciò le alleanze. Perché? Di chi fu la scelta? Perché la scelta si rivelò sbagliata?

 

c) Realizzare una serie di interviste a famigliari, conoscenti e amici su come valutano il ruolo dell’Italia in Europa e i rapporti dell’Italia con gli altri paesi europei, seguendo le linee guida indicate nell’allegato 2.

 

               c1) Creare un video costituito da un montaggio di frammenti delle interviste svolte.

 

         c2) Fare un’analisi e valutazione dei risultati delle interviste svolte (realizzando un PPT).

 

d) Creare una presentazione Power Point o un video che presenti le riflessioni degli studenti sul tema: Quali paesi hanno bisogno della cooperazione con l’Italia oggi per la propria economia e la propria sicurezza? Di quali paesi ha bisogno l’Italia oggi per la propria sicurezza e per la propria economia?

 

e) Preparare una ricerca sugli immigrati nei vari pasi europei oggi, tenendo separati i numeri e le condizioni degli immigrati intracomunitari, di quelli extracomunitari con diritto di residenza e quelli senza diritto di residenza (clandestini). Se possibile, arricchire la ricerca con interviste a immigrati.

Valutare in classe i risultati della ricerca ed esporli attraverso un video e/o una presentazione.

 

f) Gli studenti che non possono seguire il percorso storico, possono partecipare andando alla ricerca delle risorse di Torino e del Piemonte che si potrebbero utilizzare per sviluppare nuove iniziative economiche. Che cosa occorre per sviluppare nuove attività economiche utilizzando bellezze naturali e architettoniche, case e chiese abbandonate, terreni poco e male coltivati, conoscenze artigiane che corrono il rischio di essere dimenticate? Gli studenti dovrebbero osservare un’area urbana o extraurbana e proporre idee di possibile sviluppo socio-economico, chiedendosi prima di tutto perché quell’area non è stata sviluppata o è stata abbandonata, poi quali sono le opere necessarie per rilanciarla.