La Finlandia
cerca altri amici?

11/06/2012

 

La Finlandia sta valutando la possibilità di inviare i propri caccia  a collaborare con la NORDEFCO (Cooperazione di Difesa dei paesi Nordici) per controllare lo spazio aereo islandese. Una decisione definitiva sarà presa entro quest’anno. 

La Finlandia non vuole rovinare i rapporti con Mosca, e per questo ha finora esitato a dare il proprio apporto militare alla Cooperazione Nordica. La Finlandia è fortemente legata alla Russia sia dal punto di vista economico che militare, visto che condivide con la Russia circa 1300 chilometri di confine. La Finlandia è ben integrata in Europa ed è membro dell’Eurozona, ma dipende moltissimo dalla Russia per il commercio e per l’energia.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica la Finlandia e la Russia hanno stretto un’ intesa: la Russia non interferisce nell’indipendenza finlandese, in cambio Helsinki non entra nella  NATO,  per  evitare  frizioni con Mosca.

L’attuale governo finlandese ora cerca d’instaurare rapporti più stretti con i paesi baltici e nordici. Verso la fine del 2009 Islanda, Danimarca, Norvegia, Svezia e Finlandia hanno formato NORDEFCO, che non è una alleanza militare, bensì l’utilizzo in comune delle  forze di difesa dei cinque paesi, per ridurre i costi della difesa e massimizzarne i benefici. La decisione della Finlandia di inviare aerei per la sorveglianza dei cieli islandesi sarebbe un gesto di avvicinamento al NORDEFCO. 

La dipendenza economica della Finlandia dalla Russia.

La Finlandia importa circa due terzi dell’energia dalla Russia, anche se Helsinki per diminuire questa dipendenza sta aumentando i reattori nucleari.

I primi dati del 2012 indicano  che, mentre le esportazioni della Finlandia nei paesi dell’ EU si sono ridotte, quelle  verso la Russia sono salite al 9% del totale. Inoltre l’industria finlandese si attende grossi benefici dai progetti russi  per le infrastrutture. Per esempio il gruppo Nokia Siemens,  gruppo misto finlandese-tedesco, alla fine del 2011 è stato scelto per realizzare il progetto  di ammodernamento del  sistema di telecomunicazioni russo.

In passato specifiche barriere doganali poste dai Russi hanno danneggiato l’economia finlandese. Quando nel 2007 la Russia aumentò le tasse sull’esportazione del legname, per esempio, si ebbero gravi ricadute  sull’industria della carta finlandese, che all’epoca rappresentava il 10 % del PIL nazionale.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.