Cina e Kazakistan:
una questione di frontiera

27/06/2012

 

Il 30 di maggio di quest’anno 14 guardie di confine e un ranger forestale cinese sono stati uccisi sul confine tra Kazakhstan e Cina. Il 7 giugno l’unico superstite, una guardia di confine,  ha ufficialmente confessato  di  aver ucciso lui i commilitoni, ma l’opinione pubblica non lo crede. E’ probabile che si sia trattato di un agguato teso da qualche  gruppo. Il Kazakistan e la Cina hanno siglato accordi e intensificato moltissimo gli scambi negli ultimi anni,  ma le popolazioni di frontiera non ne sono contente. 

Sono più di 1000 le società nate da investimenti cinesi in Kazakistan. Una linea ferroviaria collega la provincia dello XiJiang e il Kazakistan. Nel progetto cinese della “nuova via della seta” che attraverserà l’Asia centrale arrivando in Europa il Kazakistan ha importanza strategica.

Le  popolazioni delle aree di frontiera  fra Cina e Kazakistan non sono storicamente abituate a frontiere nette, pattugliate, sorvegliate, né  a strade, ferrovie , oleodotti, nè ai nuovi  modelli di sviluppo  che favoriscono i commercianti, ma disturbano le popolazioni dedite alla caccia, al pascolo e all’agricoltura..

Inoltre  le regioni di frontiera  sono multi-etniche, e ci sono sempre  tensioni fra Han e Uiguri  sul versante cinese, mentre i Kazaki, memori della propaganda sovietica, temono l’invasione dei Cinesi. I Cinesi  impongono sempre  le proprie maestranze quando investono in grossi progetti all’estero, e questo alimenta i timori di possibile conquista da parte della Cina.  

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.