L’Egitto al centro dei gasdotti del Mediterraneo?

12/09/2016

Il 31 agosto l’Egitto e Cipro hanno firmato l’accordo preliminare per la costruzione di un gasdotto sottomarino che entro il 2020 collegherà il giacimento cipriota di Afrodite alla costa egiziana (mappa a lato).

L’accordo rientra nella visione di lungo termine dell’Egitto come nodo di incrocio e di smistamento dei gasdotti del bacino del Mediterraneo. L’Egitto stesso ha grandi giacimenti di gas e fino al 2014 ne esportava. Ma l’imposizione di prezzi politici troppo bassi per le forniture al mercato domestico hanno impoverito il consorzio che estrae e distribuisce il gas, che perciò non ha più fatto investimenti. La conseguenza è che dal 2015 l’Egitto non soltanto non esporta più il gas, ma è costretto a importarne!

Però la visione geopolitica di un Egitto che sia al centro della distribuzione di gas nel Mediterraneo non è morta. I prezzi domestici sono stati già alzati un po’, come primo passo verso la liberalizzazione. Ed è un vantaggio poter contare sulle forniture da Cipro se la produzione domestica non fosse sufficiente a fare fronte alle richieste all’interno e all’estero.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.