La Cina fa acquisti in Sud America

06/06/2017

Brasile e Argentina attraversano da anni crisi economiche e politiche che hanno deprezzato le monete, ridotto gli investimenti e creato debiti disastrosi nel settore pubblico. Ne hanno approfittato aziende cinesi per acquistare azioni di aziende strategiche, soprattutto nel settore dell’energia elettrica, e per lanciare progetti di investimento in infrastrutture.

Dal 2015 a oggi i Cinesi hanno speso 21 miliardi di dollari nell’acquisto di aziende che producono energia e gestiscono circa 100000 chilometri di reti di distribuzione di elettricità in Brasile. I Cinesi hanno anche contribuito con 15 miliardi di dollari a un fondo di investimenti nel settore dell’energia e delle infrastrutture collegate. Altri 5 miliardi sono stati messi dalla Brazilian Development Bank e dalla Caixa Economica Federal. È prevedibile che i Cinesi vinceranno anche le gare di appalto per i lavori, tanto più che le aziende brasiliane che potrebbero concorrere agli appalti sono invischiate in alcuni grossi processi per corruzione, che limitano la loro possibilità di raccogliere finanziamenti e di gestire progetti.

In Argentina il presidente Macri e il presidente Xi Jinping hanno firmato il 17 maggio 2017 un prestito di 17 miliardi di dollari per la costruzione di due centrali elettronucleari, di alcune tratte ferroviarie e centrali di energia solare. Progetti aggiuntivi sono in discussione, fra cui la costruzione di quattro centrali idroelettriche.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.