La Turchia prende posizione sul Corno d’Africa

22/08/2017

La Turchia sta per aprire una nuova base militare in Somalia, a Mogadiscio. È la seconda base militare turca ufficiale all’estero: l’altra è in Qatar e presto ospiterà ben 3000 soldati. La Turchia ha anche truppe che stazionano nel nord dell’Iraq, ma non in una base permanente.

I Turchi invieranno circa 200 militari a Mogadiscio per addestrare i soldati della Marina somala. Sono già presenti a Mogadiscio in modo massiccio con organizzazioni umanitarie e aziende impegnate nella costruzione e nella gestione di infrastrutture. Lo stesso porto di Mogadiscio è gestito dalla turca Albayrak. 

Il maggior rivale della Turchia per ottenere contratti e concessioni dal governo somalo sono gli Emirati Arabi Uniti, che gestiscono l’aeroporto di Mogadiscio e contendono alla Turchia la gestione del porto e dell’aeroporto a Kismayo. Anche gli Emirati hanno una base militare a Mogadiscio, nella quale addestrano le forze di sicurezza che mantengono l’ordine nella città. Gli Emirati hanno anche basi militari permanenti lungo il Bab el Mandeb e in Eritrea. Alleati dell’Arabia Saudita, gli Emirati pattugliano le sponde del Mar Rosso per prevenire il possibile blocco degli stretti da parte di forze ribelli yemenite e per fornire basi logistiche per operazioni militari in Yemen o in altri luoghi dislocati lungo il Mar Rosso e il Corno d’Africa. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.