Aldo Liscia racconta la sua storia

26/09/2017

Nato a Livorno a gennaio del 1921, Aldo trascorre una vita agiata da ragazzino di buona famiglia borghese fino all’emanazione delle leggi razziali nel 1938, che gli proibirono di andare a scuola. Da quel momento la sua vita cambiò. 

Si trasferì con la madre in Francia, a Nizza, per poter studiare, mentre il padre e i fratelli maggiori rimanevano in Italia, ma senza più poter lavorare. Nel sud della Francia c’era un governo filo-nazista e filo fascista, dopo che i Tedeschi avevano invaso il paese, ma a Nizza le truppe di occupazione non erano tedesche bensì italiane, alleate di Hitler. A fine settembre 1943 le truppe italiane lasciarono la Francia perché l’Italia firmò l’armistizio e uscì dalla guerra iniziata come alleata della Germania. 

Arrivarono le truppe tedesche di occupazione e Aldo riuscì a fuggire in Svizzera, solo e senza un quattrino, ma con l’aiuto di un funzionario francese che gli fornì un lasciapassare. In Svizzera con abilità e parsimonia riuscì persino a terminare gli studi universitari.

Alla fine della guerra tornò in Italia, dove ritrovò la famiglia, sopravvissuta grazie all’aiuto di brave persone. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.