Sui primordi della stampa ebraica
Il primato va a Roma o a Mantova?

28/10/2020

La lezione del prof. Angelo Piattelli sugli incunaboli italo-ebraici si è necessariamente tenuta in collegamento Zoom, causa pandemia. È affascinate anche per chi non si occupa di incunaboli scoprire che fra le primissime stamperie d’Italia numerose furono quelle ebraiche, sparse in tutta la penisola da Piove di Sacco a Reggio Calabria, con due grandi centri a Mantova e Roma.  
 
Angelo M. Piattelli è stato per molti anni ricercatore dello Institute for Jewish Bibliography, esperto di diverse case d’asta ed è tuttora curatore di alcune importanti collezioni private di manoscritti e incunaboli ebraici. Ha scritto vari studi sulle tipografie ebraiche in Italia, opere bibliografiche, saggi sul rabbinato italiano del Novecento e ha curato una collana di testi liturgici di rito italiano.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.